bebop : piano | chitarra jazz : suonare insieme : be bop

Ciao Paolo, sono un chitarrista jazz e volevo farti qualche domanda, avendo problemi a suonare con pianisti vari, premetto che:

  • sto studiando jazz e mi sto focalizzando sul bebop e sul modale
  • tendo a suonare sul levare col classico accento bop
  • uso accordi pieni molto tradizionali con toniche al basso, spesso con le
    none # e b
  • mi piacciono molto le dissonanze e le sostituzioni

Quali possono essere gli accorgimenti per il pianista nel comping:

  • suonare solo sul battere?
  • accordi semplici (triadi) senza abbellimenti?
  • nell’accompagnare uno strumento melodico o una voce è opportuno
    che la chitarra stia muta od arrangiando le parti si troverebbe un compromesso, è troppo complicato?
  • Scusa se ti ho riempito di domande ma sto cercando di convincere i miei pianisti che piano e chitarra non sono incompatibili.

Ciao e grazie!

Come suonare piano e chitarra jazz insieme nel be bop

Mi piace molto rispondere a questo tipo di domande.
Grazie Antonio.
Innanzi tutto faccio presente che il Be-bop ed il jazz modale sono stili o generi musicali veramente difficili da suonare bene.
Il pianista non deve suonare solo sul battere, nà© usare solo triadi che per quel genere di musica (bebop e modale) non vanno affatto bene, dato che determinano troppo l’accordo.
La tua domanda credo supponga che entrambi (tu chitarrista e il pianista) vogliono accompagnare un solista o l’altro mentre improvvisa.
Le possibilità  sono molte.
Innanzi tutto,(scusate un po di ironia che ogni tanto serve) non è detto che sia necessario e indispensabile far suonare nello stesso gruppo jazz chitarra e pianoforte o tastiera.
Ok, detto questo vediamo le possibilità  che posso suggerirvi.

  1. La chitarra suona delle linee melodiche di riempimento o risposta mentre il pianista accompagna a suo modo
  2. Viceversa la chitarra accompagna come vuole con accordi pieni mentre il pianista interviene con degli effetti melodici o risposte (espediente generalmente meno belo del primo punto)
  3. Si sincronizza , dopo aver studiato bene nelle prove, l’accompagnamento o nota per nota o con la massima precisione sulla letture delle sigle, cercando, inoltre di avere ognuno il proprio registro libero dall’altro strumento.
  4. Il pianista puಠsuonare con la destra delle ottave con la nona e la quinta o delle quarte, mentre con la sinistra solo una o due note ad ottava; in questo caso la chitarra cerca di suonare degli accordi completi ma non troppo densi.
  5. Stabilire degli schemi per la chitarra o per il pianoforte
  6. Stabilire dei riff o per l’uno o per l’altro
  7. Il pianista suona solo un accordo leggero in battere che tiene fermo mentre la chitarra suona lo stesso accordo (con le stesse note ma disposte in modo chitarristico o diverso) creando perಠla ritmica o viceversa

Piano e chitarra jazz nella musica be bop o bebop

Insomma il concetto generale è che l’uno non deve invadere il campo sonoro dell’altro alternandosi o cercando di porre dei paletti o schemi o sincronismi in precedenza.

Tenete comunque presente, appunto, che far suonare bene nel jazz la chitarra ed il pianoforte insieme è una delle cose pi๠difficili dal punto di vista dell’arrangiamento o orchestrazione.
Tuttavia sono famosi i gruppi bebop con chitarra e piano, come Bill Evans con Jim Hall o la Electric Band di Chick Corea con lui e il grande Frank Gambale, ma tante altre famose situazioni.
Anche io spesso nei locali di Roma ho assistito a concerti e jam session bebop con chitarrista e pianista.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php